venerdì 4 dicembre 2015

DIY - CARTA DA PACCHI NATALIZIA

Pronte per un nuovo tutorial che vi farà applicare tutto quello che avete imparato nei post precedenti recanti l'etichetta "calligrafia"? Lo scorso Natale avevo scritto un post in cui spiegavo come personalizzare la carta da pacchi con i miei timbri e mi ero ripromessa di spiegarvi anche come utilizzare la calligrafia per decorare la carta ma poi non ne ho più avuto tempo ma ieri, finalmente, ci sono riuscita e devo dire che sono anche molto soddisfatta! Ecco quello che serve:

CARTA DA PACCHI TINTA UNITA
2 PENNARELLI NERI A PUNTA TONDA
(l'importante è che le punte abbiano dimensioni diverse)
2 PENNARELLI BIANCHI A PUNTA TONDA (tipo Uniposca)
(stesso discorso di cui sopra)



Con il foglio in diagonale, cominciamo a scrivere Buon Natale (o quello che preferite come augurio) cambiando stile ad ogni riga, cercando di alternare corsivo e stampatello. Per il momento scriviamo in modo da riempire tutto il foglio, solo quando avremo completato questa azione ritorniamo sulla prima riga e cominciamo ad arricchire le nostre scritte, andando a doppiare le scritte corsive (QUI il post in cui spiego come fare) e aggiungendo le "grazie" a quelle in stampatello. Io ho scelto di non riempire di colore i tratti discendenti, ma di lasciarli vuoti perché l'effetto è più leggero e decorativo.





Come ultima cosa, andiamo ad aggiungere dei piccoli asterischi e dei puntini che sembreranno fiocchi di neve. La prossima settimana mi prenderò un giorno per i regali di Natale e poi ve li mostrerò impacchettati così vedrete che splendido effetto finale! Nell'elenco dei materiali vi ho suggerito anche di prendere dei pennarelli bianchi. Io li ho utilizzati su della carta rossa che avevo in casa dandole nuova vita! Cosa ne dite? Lo stesso lavoro potrebbe essere fatto anche con pennarelli oro o argento, oppure color rame per essere proprio alla moda, la scelta dipende dal vostro gusto e, perché no, da quello che avete da riciclare in casa!
Mi raccomando, come sempre se avete dubbi/domande scrivetele nei commenti sotto il post!
Buon fine settimana!



7 commenti:

  1. Ciao Chiara, ho letto con piacere il tuo post e con il tuo suggerimento di guardare su Pinterest, ho preso diversi spunti e ho già messo in pratica questa tecnica.
    Devo dire che però non amo molto usare l'uniposca bianco: forse sono io, ma "gratta" un po' la carta oltre a non rilasciare un colore pieno. Cosa sto sbagliando?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia,
      sai che non ho riscontrato nessuno di questi problemi?
      Appena vado a casa do un'occhiata al tipo di Uniposca che ho usato perché ne esistono due tipi, una a base d'acqua e uno con colore acrilico che, teoricamente, dovrebbe essere più coprente. Ti faccio sapere!

      Buona giornata
      Chiara

      Elimina
    2. Grazie Chiara! Non sapevo di questa differenza! Allora controllo anche io il mio!

      Elimina
  2. Sono entusiasta! Amo la carta e decorarla mi piace un sacco, lo faccio in tanti modi diversi. Provo al più presto e poi ti dico.
    Grazie, un abbraccio, Daniela

    RispondiElimina
  3. Ciao Chiara. Bellissima idea, grazie di averla condivisa. Anche a me gratta un po' l'uniposca ... Vado subito a vedere se è a base di acqua o acrilico. Un abbraccio Rob

    RispondiElimina
  4. Grazie d'aver condiviso una così bella idea! :*

    RispondiElimina
  5. Ciao Chiara! molto bella questa tecnica che mi piacerebbe imparare prima o poi! Ti ho scoperta leggendo di te su una rivista e sei entrata subito fra i miei blog preferiti. Se ti fa piacere partecipare sto organizzando il mio 1° Giveaway per donare una mia piccola creazione. Ti aspetto! Ciao!

    RispondiElimina

Grazie mille!